Progetti solidali by P&H Family

Noi per gli altri

Come imprenditori abbiamo anche una responsabilità sociale oltre alla responsabilità aziendale. Ne siamo consapevoli. Ed è per questo che sosteniamo diversi progetti, i quali ci stanno a cuore. Ci impegnamo al 100%, poiché crediamo nel loro sviluppo e nella loro crescita.

Il valore dello sport

Da ex giocatori di pallamano, naturalmente, conosciamo per prima cosa l’importanza dello sport. E pensiamo che i giovani debbano essere incoraggiati a praticarlo. Dal 2013 sosteniamo e seguiamo la squadra di calcio a 5 G.A. Bubi e dal 2015 anche la formazione del SC Merano Pallamano. Nel 2016 Barbara è stata inoltre la albergatrice madrina delle giocatrici di calcio femminile della CF Südtirol Donne Martina Menegoni e Soraya Caser. Un’iniziativa contro la violenza sulle donne.

Plan International

L’assunzione di responsabilità sociale fa parte della nostra filosofia d’ impresa. Misuriamo il nostro successo non solo in termini strettamente economici, ma anche nella nostra capacità di agire socialmente e responsabilmente nei confronti del mondo circostante.

Proprio per questa ragione, oltre allo sport sosteniamo anche altri progetti, incentrati sulla crescita dei giovani. Poiché loro sono il nostro futuro. Dando a loro una possibilità, investiamo nella società del domani. Come diceva un’importante proverbio africana: “La terra non ci è stata data dei nostri antenati, ma prestata dai nostri figli.”

Con la nuova partnership, “Plan International” possiamo impegnarci in modo concreto e sostenibile. In modo vero e reale. Plan International ci offre la competenza, l’esperienza e le reti, per contribuire a diversi progetti.

Il nostro progetto attuale:

“Proteggere i bambini dal lavoro minorile“ in Tanzania

Nelle e attorno, alle miniere d’oro di Geita in Tanzania, lavorano tanti bambini all’estrazione – spesso anche fino a 14 ore al giorno, per sostenere la famiglia. Purtroppo non hanno la possibilità di frequentare scuole e sono esposti costantemente ad un rischio elevato di violenza e/o di abuso. Nelle miniere lavorano soprattutto i bambini maschi. Rischiano quotidianamente gravi danni di salute e purtroppo rischiano quotidianamente la loro vita. Le bambine lavorano soprattutto nei bar e nei ristoranti, che sorgono nei pressi delle miniere.

Dal 2012, “Plan,” si impegna a proteggere questi bambini, da situazioni di continuo pericolo e sfruttamento. Con questo progetto, ai bambini, viene concessa una possibilità di futuro. Una possibilità di cambiare la loro vita, iniziando un percorso di istruzione o di formazione. In più viene creato un sistema di protezione per questi bambini, sostenibile in tutta la zona, per tutelare i loro diritti.

In questa fase attuale del progetto, vengono realizzate le seguenti misure:

  • La possibilità per circa 4.000 bambini di frequentare la scuola
  • Formazione professionale per 182 adolescenti
  • Corsi di formazione per 141 insegnanti e 214 educatori
  • Eventi di informazione sulla tutela dei bambini e sulle normative legali, riguardo il diritto al lavoro nelle miniere, seguiti da 5.972 persone, tra piccoli minatori e lavoratori
  • Uno sviluppo comunitario, centrato sui bambini, per un miglioramento duraturo delle condizioni di vita, con la nascita di 20 squadre di protezione
  • Corsi di formazione sui diritti delle persone e soprattutto dei bambini; circa 980 bambini vengono coinvolti in questo programma
  • Fondazione e sviluppo di un fondo di risparmio, con la possibilità per oltre 50.000 famiglie di accedere a questo portafoglio